Regione Liguria: stanziati 8 milioni di euro per promuovere l’efficienza energetica nelle imprese. Il Bando sarà aperto dal 1° all’11 marzo

La Regione Liguria ha approvato, con la delibera di Giunta n. 1027 del 14 dicembre 2018, pubblicata il 2 gennaio 2019, il Bando  Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza nell’ambito dell’azione 4.2.1, Asse 4 – Energia, del POR FESR 2014-2020.

Il bando è destinato alle micro, piccole e medie imprese che realizzino interventi di efficientamento energetico sugli impianti e sulle strutture produttive, e impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per l’autoconsumo.Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono essere realizzati nell’ambito di strutture operative dell’impresa ubicate nel territorio della Regione Liguria e devono essere conclusi entro 12 mesi dal ricevimento del provvedimento di concessione.

L’investimento ammissibile deve essere superiore a 25.000 euro, IVA esclusa. Sono ammissibili gli interventi – ancora da avviare e quelli avviati a far data dal 19/07/2018 e non conclusi – diretti a:

  • efficienza energetica
  • installazione di impianti a fonte rinnovabile la cui energia sia interamente destinata all’autoconsumo nell’unità operativa.

L’agevolazione concedibile, tra prestito e contributo a fondo perduto, non può superare l’importo di 400.000 euro.Le risorse assegnate al bando sono pari a 8.000.000 di euro (4 milioni a valere sull’azione 4.2.1 del POR FESR, per il finanziamento dei contributi a fondo perduto e 4 milioni provenienti dal fondo appositamente costituito per il finanziamento del prestito rimborsabile e l’abbattimento del costo garanzia). Viene riservata una quota della dotazione pari al 40% a favore delle micro imprese. L’incentivo può coprire fino all’80% delle spese ammissibili e risulta così suddiviso:

  • 40% delle spese ammissibili (fino a un massimo di 200.000 €) consistente in un finanziamento a tasso agevolato, comprensivo dello 0,5 annuo dell’importo del finanziamento per l’abbattimento costo garanzia
  • – fino al 40% delle spese ammissibili concesso sotto forma di contributo a fondo perduto.

Il finanziamento potrà riguardare solo una forma di agevolazione, che potrà arrivare fino al 40% dell’investimento ammissibile.mLe domande di ammissione all’agevolazione devono essere redatte esclusivamente online accedendo al sistema bandi on line dal sito filse.it a dal 1 marzo 2019 al 11 marzo 2019.

La procedura informatica sarà disponibile nella modalità off-line a far data dal 1° febbraio 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *